“Cur’Arti”, Arte come cura

“Cur’Arti”, Arte come cura

Cur’Arti. In Campania il primo Museo-Ambulatorio d’Italia. A Napoli la prima rete in Italia di collaborazione fra Aziende Ospedaliere, ASL, ed Istituti e Luoghi di Cultura finalizzata all’applicazione dell’Arteterapia ed alla promozione di progetti di inclusione sociale e culturale e di accessibilità all’arte. 

Cur’Arti significa “curarsi con l’arte” ed è un progetto tutto napoletano costituito da una raccolta di opere donate da diversi artisti per la creazione del primo “Museo-Ambulatorio” in Italia. Il progetto è incentrato sull’importanza dell’Arte soprattutto in questo periodo di emergenza Covid ed il ruolo del Museo Ambulatorio : Il museo ambisce a diventare uno “spazio di dialogo a più voci, di ri-acquisizione, ri-creazione, re-interpretazione dell’identità individuale e collettiva” in questo momento doloroso e traumatico. Favorire la ripresa del benessere e trasformarsi in luogo di accoglienza. Si tratta in sintesi di un’ esperienza “attiva” e terapeutica di riconciliazione con le proprie radici. Arte e Cultura, proprio in questo delicato periodo, possono dunque diventare strumenti per l’Accoglienza. 

immagine articolo blog gutenberg edizioni

Il Progetto

Cur’Arti si propone di costruire un museo-ambulatorio di riabilitazione: estendendo il concetto di formazione culturale a quello di riabilitazione. L’idea consiste nello sviluppo di laboratori di riabilitazione e recupero psicologico attraverso l’arteterapia, ai fini di valorizzare le straordinarie potenzialità di pazienti affetti da patologie psicofisiche.

Nello specifico il progetto si occupa di:

  • sviluppare attività di networking tra le diverse sedi (istituti e luoghi di cultura, università, istituzioni, associazioni, aziende ospedaliere, ecc.) estese sul territorio nazionale.
  • definire un piano di comunicazione finalizzata alla promozione del progetto.
  • testare nuove metodologie partecipative supportare da strumenti digitali e web per agevolare e stimolare la fruizione dei soggetti portatori di interesse e avviare continuare contestualmente le attività riabilitative.
  • valorizzazione patrimonio culturale materiale e immateriale del Museo e descrizione dei territori e delle loro risorse del contesto territoriale.
  • pianificare la sostenibilità economica del progetto e programmare le attività di fundraising

Visita il sito per maggiori informazioni su Cur’Arti!

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità del mondo dell’Arte e dell’Editoria?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Punti di Avvistamento. Al FRaC una mostra interamente online

Punti di Avvistamento. Al FRaC una mostra interamente online

Punti di Avvistamento. Aspetti della fotografia salernitana in un “tempo” sospeso.

Da giovedì 23 aprile, il Museo FRaC apre l’attività espositiva al pubblico online, con la mostra di PUNTI DI AVVISTAMENTO. Aspetti della fotografia salernitana in un ‘tempo’ sospeso.

La mostra propone gli scatti di 24 fotografi attivi a Salerno e in provincia e che, rispondendo alla necessità di un attento ‘distanziamento sociale’, hanno accolto di ritrovarsi, con il pubblico, in una nuova dimensione del FRaC che trascende dalla geolocalizzazione dei suoi spazi.

Uno sguardo accorto sulla fotografia salernitana. La riflessione di Massimo Bignardi.

Il titolo potrebbe dar adito a fraintesi, alla luce anche del richiamare un ‘tempo’ sospeso, cifra attualissima: esso trae la suggestione dalla teoria di torri costiere, erette in epoca vicereale che, dalle coste del basso Lazio e fino a quelle pugliesi e molisane, circumnavigando la parte bassa della penisola, segnano punti di connessione (collegamento), appunto di avvistamento. Insomma, luoghi dai quali scrutare la retta dell’orizzonte, in attesa di ciò che arriva o potrebbe arrivare dall’esterno, conservando (proteggendo), alle proprie spalle, il mondo noto delle terre protette (l’interno che è anche il nostro trascorso).

Ho immaginato, parlando con gli artisti invitati, che la tendina della macchina fotografica, analogica o digitale, fosse il limen segnato dall’orizzonte; ho chiesto loro di spingere lo sguardo dal proprio punto di avvistamento, dunque dal proprio linguaggio e guardare, contestualmente, al di qua e al li là.

Sfoglia online il Catalogo integrale della mostra. (Da smartphone è consigliata la visualizzazione in orizzontale)


In mostra le fotografie, in bianco e nero, di Marilena Abate, Ciro Antinozzi, Giacomo Arguto, Pasquale 16116 Armenante, Pietro Avallone, Antonio Caporaso, Giuseppe Casaburi, Romeo Civilli, Enzo D’Antonio, Barbara Di Maio, Aldo Fiorillo, Gianni Grattacaso, Nicola Guarini Jacopo Naddeo, Gaetano Paraggio, Corradino Pellecchia, Pio Peruzzini, Francesco Rizzo, Enrico Salzano, Valentina Satriano, Antonio Scocozza, Franco Siano, Franco Sortini, Ugo Villani hanno accolto l’invito di proporre opere disponibili a nuove connessioni, ossia a farsi, di volta in volta, ponte di un discorso narrativo in fieri.

Calendario Gutenberg 2020: un bilancio sorprendente

Calendario Gutenberg 2020: un bilancio sorprendente

Termina oggi la mostra espositiva a Palazzo Venezia di Napoli che ha accolto le 13 opere selezionate per l’edizione 2020 del Calendario Gutenberg.

Un bilancio estremamente positivo per il concorso Calendario Gutenberg 2020 rispetto agli obiettivi prefissati dagli organizzatori del Concorso, ovvero promuovere e valorizzare emergenti e già storicizzati artisti dell’arte contemporanea italiana. Tanti, infatti, sono stati gli artisti che ci hanno raggiunto in questi giorni d’esposizione a Napoli e tantissimi anche i visitatori che hanno affollato gli spazi di Palazzo Venezia.

Visitatori Calendario Gutenberg

Migliaia di visitatori per le opere esposte

I numeri forniti dai gestori dello storico Palazzo Venezia parlano chiaro: oltre 1000 visitatori nella 7 giorni espositiva esattamente nel cuore di Napoli. Un’opportunità che abbiamo voluto offrire gratuitamente agli Artisti selezionati per il Calendario Gutenberg 2020. Ma anche un’occasione per noi d’allargare orizzonti, vedute e conoscere da vicino alcuni dei protagonisti di questa ultima edizione.

Un successo seguito attentamente anche dai media che hanno raccontato e supportato l’evoluzione dell’evento: da Il Mattino alla cronaca locale passando per emittenti televisive e web.

Esposizione Calendario Gutenberg

E adesso già al lavoro sul Calendario 2021

Un viaggio lungo mesi ma che ci ha ripagato con tante bellissime soddisfazioni e che ci auguriamo sia stata un’opportunità di crescita e valorizzazione per tutti gli artisti che hanno partecipato. Già proiettati verso il #CalendarioGutenberg2021, che stiamo immaginando più ricco ed articolato, ci congediamo con un sincero ed affettuoso Grazie! Ci faremo risentire molto presto e sarà ancora una volta un momento di costruzione e sana condivisione.

Calendario Gutenberg 2020: Ecco le 12 opere selezionate

Calendario Gutenberg 2020: Ecco le 12 opere selezionate

 

Più di 700 candidature per la nuova edizione del Concorso Gutenberg. È stata una selezione ardua per la giuria ma ecco le 12 opere che caratterizzeranno il Calendario 2020 e saranno esposte a Castel dell’Ovo (NA).

 

 

 

 

 

 

SERENA TANI

 

 

 

 

 

 

MONICA GORINI

 

 

 

 

 

 

SEBASTIAN DE GOBBIS

 

 

 

 

 

 

CESARE VIGNATO

 

 

 

 

 

 

CESARE PINOTTI

 

 

 

 

 

 

MAURIZIO MAFUCCI

 

 

 

 

 

 

GIUSEPPE STICCHI

 

 

 

 

 

 

ALBERTO VOLPIN

 

 

 

 

 

 

SIMONA GLORIANI

 

 

 

 

 

 

STEFANO SINI

 

 

 

 

 

 

ROBERTA CEUDEK

 

 

 

 

 

 

BARBARA BONFILIO

 

 

 

 

Gli Artisti selezionati saranno contatti via mail per tutte le info relative all’invio dell’opera per la mostra. Ricordiamo che, qualora si rifiutasse di inviare l’opera per l’esposizione a Castel dell’Ovo, si verrebbe esclusi automaticamente dal Concorso.

 

 

 

 

Concorso Calendario Gutenberg: chiamata alle arti!

Concorso Calendario Gutenberg: chiamata alle arti!

Torna il concorso Calendario Gutenberg, dopo l’ultima edizione, datata Gennaio 2018, culminata nella presentazione al Centro Luigi di Sarro di Roma. Anche quest’anno la Gutenberg Edizioni intende focalizzare l’attenzione sul mondo dell’Arte Contemporanea, ponendo l’accento sui nuovi interpreti.

Puoi iscriverti al Concorso Calendario Gutenberg 2020 da qui

Il concorso prevede la selezione di 12 opere rappresentative dell’Arte Contemporanea Italiana, che daranno vita all’edizione 2020 dello storico Calendario targato Gutenberg Edizioni, giunto quest’anno al suo 27° Anniversario. L’edizione del “Calendario Gutenberg 2020” sarà accompagnata dalla pubblicazione di un Catalogo d’Arte con le opere selezionate da 5 giurati, ognuno dei quali selezionerà 12 opere (per un totale di 60).

Le 12 opere vincitrici saranno esposte in una mostra collettiva e poi pubblicate sia sul Calendario che il Catalogo d’Arte, mentre le restanti 48 opere finiranno solo nella Pubblicazione del Catalogo d’Arte che sarà poi distribuito nei maggiori marketplace italiani (Amazon, Ibs, Casalini Libri).

È possibile iscriversi al Concorso fino al giorno 1 dicembre 2019. L’iscrizione è gratuita.Leggi il BANDO UFFICIALE

X