Sergio Vecchio

Castellabate (SA), 1947, ha studiato pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, allievo di Carlo Alfano e di Giovanni Brancaccio. Dopo una breve permanenza tra Roma e Napoli nella seconda metà degli anni Settanta si trasferisce a Salerno. Partecipa a rassegne prestigiose del settore come ad esempio “Il Salone del libro” di Torino nel 1986, oppure “Galassia Gutenberg” a Napoli nel 1992. Nel 1971 viene invitato alla “Rassegna d’Arte Contemporanea” di Varese, nel 1975 prende parte alla X Quadriennale di Roma, nel 1978 partecipa al Premio Michetti a Francavilla a Mare. Nel 1984 è segnalato da Pierre Restany ed inserito nel Catalogo della Grafica Italiana dell’Arte, Mondadori e per l’Annuario Comanducci dell’Arte Italiana. Tra le recenti mostre l’antologica ospitata al Museo-Frac di Baronissi nel 2011; quella al Museo Nazionale Archeologico di Paestum e, del 2015 quella allestita al Complesso Monumentale di santa Sofia a Salerno. Vive e lavora a Paestum.

Visualizzazione di 1 risultato

X