Presentazione della collana

La Collana Grandi Monografie, curata dal professore e critico d’arte Massimo Bignardi, rappresenta uno sguardo denso sull’arte contemporanea e sugli artisti che ne hanno segnato il percorso ad oggi. Lo spazio è interamente dedicato a pittori, scultori, installatori – ad Artisti tout-court – che sono diventati punti di riferimento per le nuove generazioni sia dal punto di vista territoriale che nazionale.

Nella Collana sono già presenti artisti del calibro di Peter Willburger, Paolo Signorino, Angelo Casciello, Pino Pascali e Giuseppe Rescigno. Punto di forza del progetto è la continua ricerca di vecchie e nuove forme artistiche da analizzare e assurgere ad esempio.

 

Giovanni Dell’AcquaSconfinamenti Commistioni Nomadismi Accumulazioni Contaminazioni

L’esperienza artistica di Giovanni Dell’Acqua trova origine nel ponderato rapporto tra misura e dismisura che anima il paesaggio urbano della vecchia Matera. Nell’articolata architettura dell’esistenza sostenuta, visivamente, dalla trama di una geometria. L’adesione dell’artista all’Optical art, già dagli anni settanta, si palesa come una ricerca attenta, fortemente proiettata verso nuovi linguaggi, senza, però, perdere il collante con la propria dimensione antropologica e, soprattutto, la propria identità esistenziale.

Silvio D’AntonioEmoji

Emoji è il nuovo Catalogo dell’artista neo astrattista Silvio D’Antonio, curato dal Critico d’Arte Massimo Bignardi. Gli elementi costitutivi delle sue nuove opere sono il ferro, il legno, l’acrilico amalgamati in un unico corpus. Il colpo d’occhio è così d’effetto da rendere difficile all’osservatore il discernimento della materia prima utilizzata. Anche il nuovo utilizzo del Colore è sintomo di novità per l’artista salernitano: tonalità inusitate e di grande effetto ottico.

Massimo BignardiPeter Willburger e i suoi amici

Peter Willburger, artista austriaco trasferitosi a Raito di Vietri sul Mare (SA) negli anni Sessanta, è tra i grandi interpreti dell’incisione contemporanea. Quella di Peter è la necessità di chi, dalla lastra di metallo, di rame o zino, ha spinto in avanti il proprio sguardo in direzione aperte a mutazioni stilistiche. L’artista traccia, sulla sua mappa mentale, una linea retta: dal Tirolo alle coste cilentane, dall’Austria mitteleuropea alle terre della mitologia, alla sponda estrema della Grecia classica che Peter guarda come ultimo avamposto, in quegli anni (il viaggio in Sicilia è del 1958) della cultura del primordio, dell’originario, ove il quotidiano è ancora pervaso dal simbolico.

Massimo BignardiPino Pascali, Io cerco di fare ciò che amo fare

In questo Catalogo, Massimo Bignardi ripercorre l’attività artistica di Pino Pascali. Grafico e scenografo televisivo le opere di Pascali testimoniano una vivacità intellettuale ed artistica in grado di rappresentare un nuovo approdo per l’arte della seconda metà del Novecento. Un omaggio all’estro e alla genialità di questo incredibile artista.

Massimo BignardiUna Vertigine Soggettiva

Tra le città italiane, Napoli è quella che meglio specchia la sua immagine nell’iconografia offerta dalla tradizione: una realtà urbana e sociale posta al centro del golfo partenopeo, dal corpo multiforme e plasmabile. Una “Montmartre Arabe” come si figura agli occhi di Cocteau durante il suo primo soggiorno napoletano nel febbraio 1917. La Monografia si propone come uno sguardo d’insieme sull’arte a Napoli tra il 1960 e il 1967.

Paolo SignorinoLuoghi, figure e oggetti del racconto

L’esperienza creativa di Paolo Signorino si inscrive nelle vicende che hanno segnato la seconda metà del decennio Sessanta a Salerno. La monografia è un omaggio all’artista scomparso nel 2015: scritti, dediche, saggi ma soprattutto riflessioni critiche sul ruolo che ha ricoperto Signorino nell’immaginario artistico salernitano e non solo.

Massimo BignardiRescigno Archivi della Natura 

Archivi della Natura racchiude le opere in cui Giuseppe Rescigno esalta una manualità che gli consente di gestire più materie e tecniche. L’artista, nella sua ricerca, costruisce una stretta trama narrativa che è propria di una certa pittura oggettuale. La composizione di Rescigno non scade mai in un bricolage e concede all’occhio di sostare sul piacevole controllo delle pratiche, dei materiali, degli effetti, finanche sul dettato del colore.

Massimo BignardiCasciello, I luoghi dell’arte

Per Angelo Casciello il rapporto con lo spazio dell’architettura implica un confronto ravvicinato con l’esperienza di una progettualità collettiva, una sorta di dialogo a più voci. Un tracciato che va dai progetti per Pompei alla piazza di Puglianello, al Palazzo di Giustizia di Napoli, alla stazione di Mugnano. Il libro documenta circa tre decenni di progetti evidenziando la vocazione ambientale propria della scultura di Casciello.

Massimo BignardiCasciello Pompei

Parlare di Pompei con Angelo Casciello, della sua storia ed attualità significa ripercorrere il racconto che in questi due secoli la cultura ha costruito della città svelata. Significa rifare la strada di un ritrovamento, di uno scavo dilatato nel tempo, che rinnova sempre la trama narrativa arricchendola di nuove prospettive, figure, spazi che la lava cede ogni giorno allo sguardo dell’umanità.

X