Powered by ZigaForm version 3.7.6.6

I Sanseverino, dal Gastaldato di Rota al Principato di Salerno

 6.90

COD: GE-00002 Categoria:

Descrizione

I Sanseverino, dal Gastaldato di Rota al Principato di Salerno è una storia a fumetti sui Sanseverino, nella quale convivono tutti gli ingredienti più autentici della letteratura epica. Per consentire una più vasta divulgazione delle vicende e dei personaggi legati alla famiglia e ai luoghi citati, è nata l’idea di realizzare un documento agile, capace di adempiere anche ad un’azione educativa nei confronti delle giovani generazioni, affinché prendano coscienza delle proprie radici storiche e si rendano consapevoli di vivere in una terra eroica. Per quanto concerne i contenuti del fumetto, gli eventi narrati si riferiscono ai Sanseverino di Marsico, il ramo principale della famiglia. La narrazione corrisponde appieno ai contenuti delle fonti storiche note, non mancano tuttavia nel contesto generale del racconto piccole trasgressioni, che non solo non interferiscono con la realtà dei fatti, ma ne agevolano addirittura la comprensione.

Informazioni aggiuntive

Data di pubblicazione

2013

Pagine

136

Stampa

B/N

Giuseppe Rescigno

Nel 1975 fonda con Antonio Davide e Ugo Marano il gruppo Salerno 75, che svolge una intensa attività di progettazione ed interventi di operatività estetica nel sociale.
Negli anni Settanta è tra i protagonisti del movimento Arte nel sociale con partecipazioni individuali e di gruppo a mostre e grandi eventi, tra i quali: la Biennale di Venezia (1975, 1976 e 1980), la Biennale di Gubbio (1975 e 1976), la Quadriennale di Roma (1975), il Premio Michetti, gli Incontri di Martina Franca (1978), il IX Kongress der International Association of Art a Stoccarda, la Triennale di Milano (1980). È segnalato Bolaffi (Crispolti) per la scultura per gli anni 1978 e 1979.
E’ presente con mostre, performance e istallazioni in numerosi spazi esclusivi nazionali e internazionali (Accademia di Brera, Arte Struktura, Galleria Gastaldelli, Galleria Blu, a Milano), Cooperativa Alzaia di Roma, Studio Casati di Merate, Cabaret Voltaire di Torino, Galleria civica d’arte moderna di Ferrara, NRA Shakespeare international di Parigi, Centre de Documentaciò d’Art Actual di Barcellona, Beaubourg di Parigi, Centro italiano di cultura di Colonia, Madre di Napoli.
Dal 1981 al 2011 trasferisce il suo impegno creativo nella scuola in una intensa attività di sperimentazione didattica.
Nel 2011 riprende l’attività di artista con opere, performance ed istallazioni.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I Sanseverino, dal Gastaldato di Rota al Principato di Salerno”

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X