Paolo Bini: Brink of the Ocean

 10.50

“Brink of the ocean”

COD: GE-00084 Categorie: , ISBN: 978-88-7554-066-1.

Descrizione

Paolo Bini: brink of the Ocean

In quest’opera, Paolo Bini: brink of the Ocean, della collana “Critical tools“, viene messo in luce tutto il percorso artistico-culturale dell’artista Paolo Bini, dai primi anni di formazione fino alle esperienze della maturità artistica; egli è il protagonista assoluta di questo piccolo volume curato da Massimo Bignardi.

La riflessione di Massimo Bignardi

Secondo Massimo Bignardi, come sostiene anche Borges, la pittura “non è meno misteriosa degli altri elementi dell’universo”. Soprattutto attualmente, in un’era nella quale le immagini hanno preso il sopravvento sulla parola e sulla scrittura. La pittura resta un linguaggio mai dismesso, nell’accelerato sviluppo delle tecnologie digitali, ha trovato e trova nuovi strumenti ed aggiornate pratiche creative. Nel percorso formativo di Paolo Bini essa si iscrive nella tradizione propria del secolo Novecento. La memoria di luoghi affettivi ha prevalso, definendo una relazione bidimensionale ancorata (quasi sempre) alla linea dell’orizzonte, metafora di quel paesaggio sul quale si apre la sua personale storia. Il viaggio della sua pittura parte dal mare, immenso e mitico nei ricordi d’infanzia, ove le figure davano conto della realtà di cose, oggetti, materie, per spingersi oggi nell’onda alta dell’Oceano che è propria delle passioni (come direbbe Baricco).

Informazioni aggiuntive

Data di pubblicazione

2014

Pagine

72

Stampa

Colori

Lingua

Italiano, Inglese

Formato

10,5×16,5

ISBN

978-88-7554-066-1

Massimo Bignardi

Massimo Bignardi (Salerno 1953) si è laureato in Storia dell’Arte contemporanea presso l’Università di
Salerno e specializzato presso l’Università di Urbino.
Dal 1989 ha insegnato come docente di ruolo di prima fascia, presso le Accademia di Belle Arti di Napoli, Urbino, Milano-Brera; dal 2005 è associato di Storia dell’arte contemporanea presso Università di Siena e, dal 2008, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni storico artistici. È stato commissario della XI (1986) e XIV (2003) Quadriennale d'Arte Nazionale; del Premio Termoli (1989); della XIII Biennale d’Arte Sacra (2008.È dal 2002 direttore del Museo-Fondo Regionale d'Arte Contemporanea di Baronissi; dal 2012 della rivista "GeaArt. Periodico di cultura, arti visive, spettacolo e nuove tecnologie creative" (ISSN 2420-7934); è dal 2006, con Enrico Crispolti, direttore della collana "Storia e critica dell'arte contemporanea.. Dal 2013 fa parte del gruppo di ricerca (responsabile dott. Davide Lacagnina) dell'Unità senese del progetto di ricerca FIRB 2012 "Diffondere la cultura visiva: l’arte contemporanea tra riviste, archivi e illustrazioni. La storia dell’arte dalla fine dell’Ottocento agli anni Ottanta del Novecento vista attraverso fonti inesplorate, coniugando metodologie e sistemi di analisi multidisciplinari: critica storico-artistica, letteratura, semiotica, arti visive”.Dal 2012 fino al 2014 è stato membro del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca internazionale di "Storia delle arti e dello spettacolo" (Pegaso) Università di Firenze-Pisa-Siena.
Ha curato l’ordinamento di significative mostre, tra le recenti “Mediterraneo Miró” (Salerno, 2002); “Picasso. La seduzione del classico” (Como, 2005); “Segni del Novecento. Il disegno italiano dal Secondo futurismo agli anni Novanta”, (San Severo, 2010); “Prospettive dell’urbano. Dieci scultori per le periferie di Siena”, (ivi 2011); “ Franco Fossa. La figura e i suoi luoghi”, (Suzzara, 2012); “Amerigo Tot. Le strade verso il Mediterraneo” (Cetara, 2013); “Ugo Marano. Sculture, mosaici, disegni, ceramiche, dipinti e performances 1965-2011” (Frac-Baronissi 2014)e ha ha collaborato alla mostra “Alle origini dell'Unione Europea. Architettura e arte italiana per il Palazzo della Farnesina” (Stoccolma,Berlino e Skopje 2014 e Roma 2015). Curatore di moltissimi cataloghi della casa editrice Gutenberg Edizioni tra i quali ricordiamo (Ugo Marano, Paolo Signorino, Angelo Casciello, Giuseppe Resigno, Peter Willburger, Ciro Pica, Lucio Afeltra, Mario, Lanzione, Sergio Nannicola, Silvio D'antoni etc) , facenti parte della collana Periscopio.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Paolo Bini: Brink of the Ocean”

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X