Catalogo Arte: come proporsi ad una Casa Editrice?

Catalogo Arte: come proporsi ad una Casa Editrice?

Ecco cosa devi avere pronto

Ti sarà già capitato di contattare una Casa Editrice specializzata nella realizzazione di Cataloghi d’Arte e aver ricevuto come risposta la richiesta di una serie di informazioni tecniche e magari non del tutto chiare per la pubblicazione del tuo Catalogo Arte.

Oggi vogliamo provare a schiarirti le idee indicandoti le informazioni e i materiali da preparare prima di contattare una Casa Editrice specializzata nella pubblicazione di Cataloghi Arte.

Interno catalogo arte della casa editrice a Salerno Gutenberg Edizioni

Catalogo Arte: Stampa o Pubblicazione?

Pubblicare un Catalogo Arte è un passo importante per gli Artisti che intendono promuovere il proprio percorso artistico e le relative opere d’arte contemporanea. Ed è per questo motivo che, in questa delicata fase, avrai bisogno del supporto di professionisti che operano in questo settore.

Bisogna, oltretutto, comprendere le differenze che ci sono tra la Stampa Catalogo e Pubblicazione Catalogo Arte. Nel primo caso non si può parlare di una vera pubblicazione in quanto non sarà presente il relativo Codice ISBN che ne attesti la presenza nel Catalogo della Casa Editrice. Conseguentemente potresti incorrere anche in problemi relativi alla Distribuzione. Nel secondo caso, invece, avrai una pubblicazione riconosciuta che potrai inserire nel tuo Curriculum Vitae e da spendere anche per la richiesta di partecipazione a Mostre Arte e Concorsi d’Arte contemporanea.

5 passi fondamentali per la Pubblicazione del tuo Catalogo

1. Foto di buona Qualità e Risoluzione 

2. Formato Libro:

 Indica letteralmente le misure del Catalogo   espresse in centimetri. I formati di riferimento sono: 12x1715x2117x24A424x30

3. Numero Pagine:

 Nella prima fase possono essere solo indicative e sicuramente la Casa Editrice può aiutarvi a comprendere il numero più o meno esatto. 

Considera, in ogni caso, che il numero finale delle pagine del Catalogo sarà sempre un multiplo di 4.

4. Breve Biografia

5. Portfolio di esperienze e mostre (eventuali) a cui si è partecipato  

Vorresti ricevere un Preventivo Gratuito per il tuo Catalogo?

Contattaci e saremo felici di fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno:

Email: info@gutenbergedizioni.com

Telefono: 393 5820 380 / 089 8786 51

Vittorio Manno e Angelo Rizzelli, in mostra al FRaC di Baronissi

Vittorio Manno e Angelo Rizzelli, in mostra al FRaC di Baronissi

Due protagonisti dell’esperienza della Grafica di via Sette Dolori di Matera

Sabato 22 giugno alle ore 18:30 apre al pubblico al Museo FRaC la doppia mostra personale di Vittorio Manno e Angelo Rizzelli, protagonisti dell’esperienza della Grafica di via sette dolori di Matera. È un’esposizione, così come è stato per la personale dedicata a Giovanni dell’Acqua, in omaggio alla città di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, porgendo l’attenzione ai suoi principali interpreti dell’arte contemporanea, protagonisti per decenni di una battaglia culturale.

La mostra curata dal direttore Massimo Bignardi in collaborazione con Fabrizio Perrone, propone una selezione di cinquanta opere, documentando le scelte compositive e tecniche che caratterizzano le esperienze, degli ultimi due decenni, dei due artisti materani. Per l’occasione verrà presentato anche il Catalogo a loro dedicato, edito da Gutenberg Edizioni.

«L’aspetto che maggiormente colpisce della loro esperienza – scrive Massimo Bignardi nel testo introduttivo al catalogo pubblicato da Gutenberg Edizioni –, soffermandosi su quanto hanno svolto come fondatori e come operatori all’interno del laboratorio situato sulla via Sette Dolori. La loro costante rinuncia a un verbo asseverativo, in virtù di continue aperture, di confronti è la misura, sul piano etico, di un profilo di ‘intellettuale’ organico al proprio territorio e, direi all’intera area meridionale. Questo è un aspetto importante sul quale i due artisti, di origine salentina ma da quasi mezzo secolo materani, insistono: partecipazione intesa come cultura del ‘comune’, della moltitudine che in arte, soprattutto, equivale ad un tentativo di agire sulla vita dal di dentro di essa, scriveva Negri, “per costruire un senso”.

manno-gutenberg-edizioni

Con questa mostra, scrive Fabrizio Perrone «vuole rimarcare quanto l’originalità dell’operazione culturale condotta dall’Associazione Grafica di via sette dolori si possa ascrivere alla necessità di avere in città un luogo d’incontro dove l’incisione diventa un buon alibi per dedicarsi alla cultura. Mai come in quest’anno, in cui Matera vive il titolo di Capitale Europea della Cultura, possiamo a buon motivo pensare che questo processo pone la sua nascita in tempi remoti, quando Matera, segnata dal passaggio di Pasolini e di altre figure imponenti, guardava all’Italia come territorio d’azione per diffondere la propria cultura, fatta se si vuole anche di semplicità, ma che ha senz’altro segnato la storia d’Italia e che oggi oltre alle manifestazioni istituzionali continua nella propria silente vocazione.

X