Coprifuoco, reportage per un’insolita antivigilia

Coprifuoco, reportage per un’insolita antivigilia

Il Museo FRaC Online presenta la Mostra di Corradino Pellecchia

Domenica 27 dicembre alle ore 18:00, apre al pubblico, on line, la mostra COPRIFUOCO. Reportage per un’insolita antivigilia di Corradino Pellecchia

I venticinque scatti che, l’artista salernitano, ha realizzato nei giorni precedenti a questo anomalo Natale, testimoniano di un momento fermo della nostra esistenza, del senso coatto che, la malattia pandemica, ci costringe a vivere. Documentano i luoghi topici degli incontri cittadini, gli spazi nei quali, per anni, abbiamo atteso la grande festa dell’anno: sono immagini che specchiano le trepidazioni che avvolgono d’incertezza lo sguardo sul futuro. Il futuro non è più il tempo di una coniugazione, diventa il grigio luogo dell’attesa. La fotografia, come tutte le arti e la scienza, non disperdono la loro capacità di affermare un tempo nuovo, perché su di esse si fonda l’avvenire come tempo di concretezza.

Pellecchia narra di una Salerno svuotata, di ritmi lenti, di spazi chiusi: anche se la sua mano ferma l’istante, lo sguardo va oltre, entra nella vita, nel vivo desiderio che spinge la comunità ad incontrarsi.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Chi è Corradino Pellecchia

Salernitano, laureato in Giurisprudenza, operatore multimediale, si è dedicato alla fotografia agli inizi degli anni settanta, orientandosi verso una ricerca di tipo antropologico nell’entroterra campano e lucano. Le sue più recenti proposte sono ispirate ad una ricerca sul colore. Ha esposto in moltissime gallerie in Italia e all’estero. Collabora a giornali e riviste specializzate ed ha pubblicato, da solo e con altri, diversi volumi.

Tra le pubblicazioni, realizzate con Franco Siano, si segnalano: Aglo (1977); Le botteghe degli artigiani (1987); La Casa felice (1988); Piazza dei presepi (1989); Sulle orme di Pan (1990); Gira-sole (1992); Cinquant’anni fa a Salerno. La notte dell’Apocalisse (2004).

X