Gianni Zanni – In coena domini (Mostra online)

Gianni Zanni – In coena domini (Mostra online)

Giovedì 1 aprile 2021 si inaugura online la mostra del fotografo GIANNI ZANNI, IN CŒNA DOMINI.

Curata da Massimo Bignardi, la mostra presenta 25 opere realizzate dal fotografo pugliese, dedicate agli oggetti e alle pietanze che richiamano il tema dell’Ultima cena, così come interpretati da significativi dipinti della storia dell’arte.

Questo lavoro, scrive Zanni nella dichiarazione di poetica contenuta nel catalogo online in uscita con Gutenberg Edizioni, “vuole essere una rielaborazione in chiave fotografica del menù dell’ultima cena del Cristo rappresentata da diversi artisti nei secoli passati e di cui certamente il più conosciuto è il Cenacolo di Leonardo. Gli still life fotografici realizzati rappresentano la trasposizione nella cultura gastronomica pugliese delle pietanze presenti sul tavolo del famoso affresco leonardesco e non è stata una impresa particolarmente ardua ritrovare numerose similitudini tra la raffigurazione leonardesca e quella concretezza del cibo presente nella tradizione gastronomica e sulle tavole delle feste natalizie e pasquali delle varie località e pugliesi.”

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA

“Quello di Zanni – spiega il curatore Massimo Bignardi – è, da oltre quarant’anni, un modo di porsi frontalmente all’oggetto che, scatto dopo scatto, diviene soggetto di una narrazione di forte valenza immaginativa. Anche in questa serie di lavori, dedicati a interpretazioni dell’Ultima cena, ha saputo intrecciare le inquadrature sperimentate nella sua esperienza di fotografo, interessato anche allo still life, con quelle archiviate nella memoria, ben alimentata da immagini tratte dalla storia dell’arte. Pone a confronto due analoghe interpretazioni di quel genere che è la ‘natura morta’ e ne ha ricavato un racconto che, più di aprire lo sguardo all’intera scena leonardesca, si sofferma sui primi piani, sui dettagli. La tavola imbandita, non poteva essere diversamente, è quella tipica della tradizione pugliese”.

GIANNI ZANNI – OPERE IN MOSTRA

SCOPRI LE ALTRE MOSTRE ONLINE SUL NOSTRO BLOG

Mary Cinque. “My favorite things”, la nuova mostra al FRaC

Mary Cinque. “My favorite things”, la nuova mostra al FRaC

Al Museo FRaC di Baronissi si rinnova l’appuntamento con l’arte contemporanea

La mostra delle opere di Mary Cinque al FRaC rivolge l’attenzione a una giovane artista campana da tempo operante tra la Costiera Amalfitana, Londra e Los Angeles. Tra pastelli a olio e pittura digitale, My favorite things si pone come celebrazione del quotidiano e delle piccole gioie che questo ci offre.

Guarda il Video dedicato alla Mostra online

Parola al curatore della mostra di Mary Cinque

Come le pagine di un album – rivela Pasquale Ruocco curatore della mostra – si susseguono le opere recenti realizzate da Mary Cinque. Fogli, alcuni dei quali esposti presso la galleria Palü di St Moritz, tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, da cui emergono ricordi di luoghi, in particolare Londra, dove ha vissuto negli ultimi anni, e della Costiera Amalfitana, di viaggi, di persone, ma anche di passioni e speranze, avvolti da un senso di nostalgia per quelle piccole cose che silenziosamente, ora cominciamo ad accorgercene di più, colorano il nostro quotidiano.

L’ispirazione prende spunto dal celebre brano di Oscar Hemmerstein II e Richards Rogers, My favourite things, le cui parole sembrano vibrare nella morbida e brillante materia dei pastelli a olio, così come nella sostanza elettronica della pittura digitale, in un lavoro capace ancora, di riflettere sul ruolo dell’immagine nella storia dell’arte, tenendo bene in conto le sue evoluzioni anche tecnologiche, per esempio dall’invenzione dei pastelli di Sennelier alle possibilità offerte delle moderne tavolette grafiche. Mary Cinque sembra affrontare, mediante un’intima narrazione, l’attuale stato delle cose, lavorando su ciò che ci manca, esaltando quanto dovrebbe esserci prezioso, condivisione e convivialità, tradotte quali immagini di una joie de vivre da rinnovare, in cui termini come lockdown e distanziamento sociale rappresentino esclusivamente il momento in cui abbiamo ritrovato la nostra umanità.

Guarda le Opere di Mary Cinque in mostra

Chi è Mary Cinque

Mary Cinque ha trascorso la sua infanzia tra l’Etiopia e l’Italia dove è nata e ha frequentato le Accademie di Belle Arti di Napoli e Milano. Formazione che si e ulteriormente arricchita di numerosi viaggi, tra questi una permanenza di tre mesi, nel 2006, tra Philadelphia e New York che influenza fortemente il suo lavoro sulla città e il paesaggio urbano, e poi, tra il 2017 e il 2019 a Londra, dove ha avuto modo di approfondire sia l’uso del pastello a olio sia il ricorso alla pittura digitale.

Tra le mostre personali si ricordano nel 2009 “Aereo” allestita presso lo spazio Largo Baracche di Napoli e “Giramondo” tenutasi presso il Foundry di Londra. Nello stesso anno espone “Acque Chiare” presso gli spazi del Palazzo Sasso (oggi Avino) di Ravello, mentre nel 2011 presso la Biblioteca della Facoltà di Architettura “Acque d’Italia” e realizza l’installazione “Città in istanti”, presso il Chiostro di San Galgano della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena.

Del 2013 è la mostra “Urban stories”, tenuta presso il MARTE di Cava de’ Tirreni, mentre nel 2015 l’artista allestisce, presso l’Istituto Francese di Napoli, “Un’idea di Parigi, del 2016 è la mostra “ECO-” presso lo showroom di Fornace Falcone. Lo stesso anno la personale “L’illusione di Dedalo”, allestita presso il Centro Luigi di Sarro nel 2017 all’Istituto di Cultura italiana all’estero di Colonia e nel 2019 presso il Museo FRaC di Baronissi.

Di questi ultimi anni è la personale organizzata dalla Galerie Palü di Pontresina, in Svizzera, ove espone una serie di lavori dedicati a San Moritz. Tra le esposizioni collettive si ricordano nel 2009 “La défense. Priorità del tempo, necessità dello spazio” presso il Fës Show di Minori, e “Sguardi Irrequieti” allestita presso il Castello dell’Abate di Castellabate. Nel 2010 si registrano invece la partecipazione a “Capturing the elusive here”, workshop tenuto a Monza dall’artista ispano-americano Isidro Blasco e a “Eruption/Eruzione” presso la White Box Gallery di New York. L’anno successivo espone al Padiglione Campania allestito presso l’ex Tabacchificio Centola, a Pontecagnano, in occasione della “54ª Biennale di Venezia”

Nel 2012 partecipa a “NINA. Nuova immagine napoletana” allestita al Pan di Napoli, mentre nel 2013 è invitata a “Trames/Tramites” allestita presso la Porta degli Angeli di Ferrara e “Iside Contemporanea” organizzata dal Museo ARCOS di Benevento. Recentemente il suo lavoro è stato esposto a Los Angeles presso The loft at Liz’s e la Los Angeles Art Association/Gallery 825..

Sue opere sono custodite dal Museo-FRaC Baronissi, dal MÄ – Museo d’arte ambientale di Giffoni Sei Casali (SA) e dall’Istituto Istruzione Superiore Marini Gioia di Amalfi. Vive e lavora ad Agerola.


Scopri sul nostro sito il Catalogo d’Arte “L’Illusione di Dedalo” (2016) dedicato all’attività artistica di Mary Cinque e curato da Massimo Bignardi

X