Rinascimento: chi era la Musa di Botticelli?

Rinascimento: chi era la Musa di Botticelli?

Il suo nome è Simonetta Cattaneo ed è definita la vera “top model del Rinascimento”. Nacque a Portovenere nel 1423 da una famiglia benestante della Liguria e, all’età di sedici anni sposò Marco Vespucci, lontano cugino del ben più celebre Amerigo, e solo successivamente si spostò a Firenze dove Giuliano, fratello del Magnifico, pare ne rimase completamente ammaliato.

Simonetta, la Musa del Rinascimento

Esile e sinuosa, lunghi capelli biondi ed una dolcezza intrinseca nella gestualità, conferirono a Simonetta l’appellativo de “la bella di Firenze”. Le voci di una relazione col Medici e i tanti quadri che Sandro Botticelli le dedicò, ritraendone lineamenti e fattezze in opere come Primavera, Nascita di Venere e Sogno di Giuliano, contribuirono ad accrescerne la fama.

Anche l’artista Piero di Cosimo ne rimase completamente folgorato. E proprio alla donna che a Firenze era detta “la senza pari” dedicò a sua volta numerose opere. Il 26 aprile del 1476 – ad appena ventitre anni – Simonetta morì gettando nello sgomento il marito così come i tanti artisti di cui era stata la musa.

Fu proprio per la sua triste scomparsa che Lorenzo il Magnifico scrisse il sonetto che inizia con “O chiara stella che co’ raggi tuoi / togli alle vicine stelle il lume / perché splendi assai più del tuo costume?…”, dove la immagina ascesa in cielo ad arricchire le stelle del firmamento.

_____________________________

Leggi anche la nostra mini-guida alle mostre più interessanti di Milano

Ecco alcune opere dedicate alla straordinaria Bellezza di Simonetta

  • PRIMAVERA (1478/1482)
  • NASCITA DI VENERE (1482/1485)
  • SOGNO DI GIULIANO (1478/1480)

********************************

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità relative al mondo dell’Arte e della Cultura? Seguici anche sui nostri canali Social Facebook e Instagram

X